Chiara Mascellaro racconta il mercato Vucciria (Video)

Il mercato Vucciria ha origini molto antiche. Si ritiene che la sua nascita sia dovuta alla vicinanza della città siciliana al porto che incentivò l’insediamento di banchetti e mercanti fin dal XII secolo. Il nome di questo mercato, anticamente Bucciria, letteralmente macelleria, deriva dal francese “boucherie”, il luogo della macellazione e del commercio della carne.

Un tempo si diceva “I balati ra Vucciria ‘un s’asciucanu mai”, le strade della Vucciria non si asciugano mai, tanta era l’acqua che si utilizzava per tenere fresco il pesce.

In questo mercato i clienti hanno la possibilità di comprare di tutto e di più come pasta, legumi, cereali, erbe essiccate, scarpe, grappa, vino, dipinti, zucchine lunghe, altri ortaggi e tutto quello che viene messo in vendita. Durante i vari secoli la Vucciria, però, ha visto molteplici cambiamenti, sino a divenire oggi anche una delle sede principali della movida palermitana.

All’interno del mercato troviamo l’iconica statua del Genio della Vucciria uno dei simboli di Palermo e dei palermitani. Conosciuto in tutto il mondo, il mercato Vucciria è una tappa fissa per chi intende visitare la vera Palermo.

La nostra Chiara  racconta lo special drink che ha creato al  CaMus  in onore del celebre mercato.  La sicilianità del fico d’india si mescola al gin ed al vermouth si sposa con  una punta di acidità e la magia è fatta.

Guarda il video e scopri tutti i segreti del drink Vucciria, ultima chicca della nostra mappa Tharib.

Bevi la storia responsabilmente.

 

Lascia un commento